Sanità, ambiente, turismo e cultura. Ecco le priorità di Insieme per il Futuro. Bonini: "Nei prossimi 5 anni vogliamo continuare a collaborare con tutte le associazioni e i cittadini per portare avanti il nostro programma"

Continuità con il lavoro svolto in questi cinque anni e collaborazione con i cittadini e le associazioni del territorio.

È questa la ricetta della lista Insieme per il Futuro Bonini Sindaco che, grazie all’esperienza maturata nel corso dell’attuale amministrazione, garantirà il massimo impegno per soddisfare le aspettative della comunità.

Forte di alcuni importanti risultati messi a segno in questo mandato – come la cittadella scolastica a Fornaci, l’approvazione del piano strutturale e del regolamento urbanistico, i lavori a Villa Gherardi, gli oltre 17 milioni di euro di finanziamenti ottenuti, i tanti progetti portati avanti nel centenario di Pascoli come la digitalizzazione di tutto l’archivio, la raccolta differenziata che supera oggi l’80% – il candidato sindaco Marco Bonini ha le energie giuste per portare a termine il processo di rinnovamento avviato 5 anni fa, ascoltando le esigenze del territorio, come dimostra il ciclo di incontri con la cittadinanza partito lunedì 5 maggio e che proseguirà nei prossimi giorni.

Tra le priorità di Insieme per il futuro, sanità, scuola, ambiente, cultura, turismo, urbanistica e lavoro.

"Il momento che stiamo vivendo è difficile su più fronti – afferma Bonini – ma noi abbiamo la volontà e la capacità di portare a termine gli impegni presi e di raggiungere nuovi, importanti obiettivi.

La nostra azione continuerà mirata al potenziamento delle infrastrutture a sostegno delle varie realtà produttive, allo sviluppo dell’edilizia scolastica, al miglioramento dell’erogazione dei servizi sanitari.

"Uno degli obiettivi principali sarà garantire alle fasce più deboli il sostegno indispensabile a mitigare il fenomeno delle nuove povertà e promuovere azioni per un effettivo diritto alla casa, ristrutturando anche edifici pubblici recuperabili con fondi dedicati".

La politica di Insieme per il Futuro sarà tesa inoltre alla valorizzazione turistico-culturale.

"In questi anni, grazie alla sinergia con tutto il territorio – prosegue Bonini - siamo riusciti a fare di Barga un luogo di grande vivacità culturale, come dimostrano le tante manifestazioni nel centro storico ma non solo: Barga Jazz, cresciuta notevolmente in questi anni grazie all’impegno dell’omonima associazione, Opera Barga, la stagione del Teatro dei Differenti, le nuove iniziative legate al Premio Benedetti e al Festival Tra le Righe di Barga, la casina della Befana, la nuova manifestazione Aspettando San Rocco che ha portato tanta gente anche nella zona del Giardino".

"Il capoluogo deve perciò continuare ad essere un centro di storia, arte, cultura, turismo e servizi".

Idee molto chiare, quindi, su quelle che saranno le prime azioni necessarie.

Il punto di partenza del nostro programma – spiega Bonini - sarà la difesa dei servizi sanitari sul nostro territorio".

"Fondamentali anche l’attuazione di quanto previsto nel nuovo regolamento urbanistico recentemente approvato, con l’avvio della nuova cittadella scolastica nel capoluogo; il collegamento con Barga dal nuovo ponte di Fornaci; la risoluzione di problematiche importanti come la viabilità della zona bassa del Piangrande, con la regimazione delle acque che hanno provocato danni ingenti alla strada e all’abitato di Mologno, e del viale della stazione di Fornaci; il completamento degli interventi di somma urgenza e la ricerca dei finanziamenti per i relativi ripristini; la nuova viabilità di Piaggiagrande per ricollegare la zona sottostante con Renaio; il recupero della vecchia scuola di Fornaci che permetterà di dare nuovi servizi all’intero paese".

L’attenzione di Insieme per il futuro, dunque, è rivolta all’intero territorio, come dimostrano gli interventi di questi 5 anni nella parte bassa del comune volti a migliorare e potenziare il ruolo del centro commerciale naturale di Fornaci e Ponte all’Ania, di cui la bretellina recentemente inaugurata è testimonianza.

"Questo intervento toglierà la circolazione dei mezzi pesanti dalle strade di Ponte all’Ania e Fornaci – spiega Bonini - con conseguenti benefici per la salute e la qualità della vita dei residenti".